Studio ESSECI -  3

Il Museo Salce e Renato Casaro sul New York Times

by author page

News

Renato Casaro
L’ultimo cartellonista del cinema.
Treviso, Roma, Hollywood
Treviso, 12 giugno 2021 – 1 maggio 2022
Museo Nazionale Collezione Salce, Chiesa di Santa Margherita
Museo Nazionale Collezione Salce, Complesso di San Gaetano
Treviso, 12 giugno 2021 – 9 gennaio 2022

Cartella stampa ed immagini: www.studioesseci.net

Comunicato Stampa

In prima pagina del New York Times
Casaro, la Salce e Treviso.

Il nuovo Museo Nazionale Collezione Salce, la grande mostra su Renato Casaro “L’ultimo cartellonista del cinema. Treviso, Roma, Hollywood” e la città di Treviso si sono conquistati la prima pagina del New York Times e un lungo articolo di seguito. L’ampio servizio è a firma di Elisabetta Povoledo, che aveva visitato la mostra e incontrato l’artista nelle scorse settimane. Con lei, Alessandro Grassani, l’autore delle belle immagini che accompagnano l’ampio reportage.
È lo stesso Casaro, intervistato dalla giornalista, a raccontare con humor e freschezza la sua singolare esperienza professionale. Osteggiata, ricorda il Maestro, dalla madre che – si era negli anni del secondo dopoguerra – si sentiva, lei che era cresciuta nella piccola Treviso, molto preoccupata della decisione del figlio di allontanarsi da casa per approdare a Roma per fare il cartellonista. “Pensava che Roma fosse la città della perdizione”, ha raccontato Casaro. “Ha pianto, si è preoccupata, ‘Ho perso mio figlio”. Ricorda, sorridendo, il Maestro.
Che rivive, nella sua lunga intervista, gli anni fantastici, ma per lui non facili, della Dolce Vita.
“Roma era piena di vita”, ricorda, “con star del cinema e turisti che riempivano gli eleganti ristoranti di Via Veneto. Che erano fuori dalla mia portata, ma in cui ho cercato di intrufolarmi anche per vedere chi c’era in giro. Certo noi vivevamo ai margini, ma dai, è stato meraviglioso essere giovani e andare a Roma e scoprire questo mondo», ha confidato alla giornalista.
Da lì ebbe il via una storia fantastica che passo dopo passo lo ha portato a farsi conoscere e ad iniziare una carriera spettacolare che da Cinecittà lo ha portato nelle capitali europee del cinema e poi negli States, a Hollywood. Dove è stato l’artista di fiducia e amico di grandi registi e attori. Innamorato del cinema e un po’, ricorda, anche di Marylin Monroe.
La sua mostra è in tre sedi trevigiane: nel Museo Civico di Santa Caterina e nelle due sedi del Museo Nazionale Collezione Salce, in Santa Margerita e in San Gaetano, entrambe gestite dalla Direzione Regionale dei Musei del Veneto, del Ministero della Cultura.

Ufficio Stampa:
Studio ESSECI, Sergio Campagnolo tel. 049.663499 simone@studioesseci.net (Simone Raddi)