25 Marzo 2022 - 26 Giugno 2022

Treviso, museo Bailo, Sala Canova

Studio ESSECI - L’OTTOCENTO SVELATO. Da Canova al Romanticismo storico 5

L’OTTOCENTO SVELATO. Da Canova al Romanticismo storico

Cartella Stampa e Immagini

Comunicato Stampa

Che tipo di amore corrispose tra Antonio Canova e Marianna Angeli Pascoli, bellissima contessa trevigiana?
Di certo, un piccolo cammeo con il ritratto di lui si adagia sul seno di lei, nel busto scolpito da Luigi Zandomeneghi in mostra al nuovo Bailo dal prossimo 25 marzo.
L’effige della nobildonna si potrà ammirare all’interno della mostra “L’Ottocento svelato: da Canova al romanticismo storico”, a cura di Fabrizio Malachin e Elisabetta Gerhardinger, allestita al Nuovo Museo Bailo con progetto di Marco Rapposelli di Studiomas-Padova, nella grande galleria che per l’occasione sarà intitolata ad Antonio Canova.
Il grande Scultore trevigiano sarà, e non potrebbe che essere così, il protagonista della mostra. Eccezionalmente, e temporaneamente, liberata dalle pastoie giudiziarie, vi è atteso dall’ex Veneto Banca, il gesso di Amore e psiche stanti, opera del 1800 del Maestro. Un’ occasione straordinaria per ammirare un capolavoro destinato al collezionismo privato, e i cui marmi si trovano al Louvre e all’Hermitage. Le due versioni di Amore e Psiche stanti furono infatti commissionate ad Antonio Canova appena trentenne dal colonnello scozzese John Campbell. La prima, venduta a Gioacchino Murat, oggi si trova al Louvre. La seconda, ceduta dal committente a Josèphine de Beauharnais e poi allo Zar Alessandro I di Russia, è all’Hermitage.
Il calco della mano che l’ha creata, sarà in mostra accanto ad un altro calco, quello del volto del Maestro.
Accanto, una sequenza di materiali canoviani che, raramente sono usciti dalle segrete stanze dei Civici Musei per essere mostrate. Tra essi, il prezioso bozzetto delle Tre Grazie, dove a ben guardare si potrebbero scoprire le impronte del maestro. O l’edizione integrale di tutte le incisioni dello scultore, espressamente donate all’Ateneo trevigiano dal fratellastro abate Sartori Canova.
L’autore del busto dell’affascinante Marianna, immortala anche il Canova, in una erma in marmo e lettere bronzee di dedica. Poi ancora lo scultore in una delle versioni del celeberrimo Ritratto dal vivo del 1817- ‘18 dipinto da Thomas Laurence. Dai depositi museali esce per la prima volta anche la ampia medaglistica canoviana.
Reso omaggio a Canova, il viaggio nell’Ottocento svelato prende avvio dai sontuosi ritratti di due dei “padri fondatori” della Pinacoteca Civica: lei è Margherita Prati Grimaldi, nel luminoso dipinto di Andrea Appiani. Lui è Sante Giacomelli, nel ritratto di Natale Schiavoni. La nobildonna legò al Comune di Treviso nel 1851 un nucleo di dipinti destinati a costituire il primo nucleo della Pinacoteca civica (tra queste il Lorenzo Lotto e il Giovanni Bellini oggi al Museo Santa Caterina), mentre il secondo nel 1874 legò alla appena costituita Pinacoteca ben 54 opere prevalentemente ‘contemporanee’ all’epoca, che costituiscono il nucleo principale della Galleria dell’800.
Dalla Raccolta Giacomelli giungono, fra gli altri dipinti di Francesco Podesti (Il primo giorno del Decamerone) e Ludovico Lipparini (Lord Byron che giura sulla tomba di Marco Botzaris), di Eugenio Moretti Larese (La morte di Dante) e Odorico Politi (Elena rapita da Teseo e Piritoo, e giocata ai dadi), Michelangelo Grigoletti (Susanna e i vecchioni) o Natale Schiavoni (due episodi di ambiente orientale); ma vi sono anche artisti “rivoluzionari” come Ippolito Caffi (La benedizione di Pio IX dal Quirinale di notte) e Luigi Querena (Veduta di Venezia al tramonto). In mostra anche il “Gruppo di famiglia” di Francesco Hayez, in cui il pittore si ritrae all’età di 16 anni: prima opera nota dell’artista.
Spettacolari dipinti e sculture. ma non solo. I curatori hanno infatti scelto di allargare lo sguardo anche alla ceramica, in omaggio alle grandi manifatture trevigiane di quella produzione che oggi definiremmo di design. Ed ecco le porcellane dipinte con scene di gusto romantico delle fornaci Fontebasso, accanto alle classicheggianti creazioni monocrome “all’inglese”.
Il tutto per offrire al visitatore uno spaccato di ciò che i Civici Musei conservano dei momenti neoclassico e romantico della nostra storia dell’arte.
Ad arricchire ulteriormente la proposta della nuova Galleria Canova del Bailo, due importanti plus.
Innanzitutto, quasi una ‘mostra nella mostra’, una selezione di 30 straordinari scatti artistici canoviani del fotografo Fabio Zonta: 30 fotografie di grande formato, a dare corpo ad una monografica che, dopo Treviso, raggiungerà Venezia e New York. Inedita la possibilità di confronto tra il punto di vista del Canova, visibile nelle incisioni, e quello del fotografo chiamato a confrontarsi con la grazia e l’eleganza delle sculture canoviane. La ‘lente’ interpretativa del fotografo mette in rilievo la tridimensionalità delle opere, accentuando dettagli, soggetti, espressività.
Una sorpresa tutta da scoprire è l’intervento creativo di Anderson Tegon con Pepper’s Ghost: un suggestivo spettacolo video-multimediale all’interno della Galleria.
Un’offerta quindi di proposte articolate, ad indicare la linea che connoterà il Nuovo Bailo come luogo di contaminazione tra le arti, fedele al compito di valorizzare il patrimonio civico, ma con una forte attenzione alle nuove tendenze e al multimediale, mai rinunciando alle fondamentali basi scientifiche.

Info: www.museicivicitreviso.it +39 0422 658951 info@museicivicitreviso.it

Ufficio Stampa: Studio ESSECI, Sergio Campagnolo +39 049 663499 gestione1@studioesseci.net (Simone Raddi)

Cartella Stampa e Immagini

Link

http://www.museicivicitreviso.it

Testi Allegati

Le sezioni della Mostra

Immagini


Studio ESSECI - L’OTTOCENTO SVELATO. Da Canova al Romanticismo storicoStudio ESSECI - L’OTTOCENTO SVELATO. Da Canova al Romanticismo storico 1Studio ESSECI - L’OTTOCENTO SVELATO. Da Canova al Romanticismo storico 2Studio ESSECI - L’OTTOCENTO SVELATO. Da Canova al Romanticismo storico 3Studio ESSECI - L’OTTOCENTO SVELATO. Da Canova al Romanticismo storico 4Studio ESSECI - L’OTTOCENTO SVELATO. Da Canova al Romanticismo storico 5Studio ESSECI - L’OTTOCENTO SVELATO. Da Canova al Romanticismo storico 6Studio ESSECI - L’OTTOCENTO SVELATO. Da Canova al Romanticismo storico 7Studio ESSECI - L’OTTOCENTO SVELATO. Da Canova al Romanticismo storico 8Studio ESSECI - L’OTTOCENTO SVELATO. Da Canova al Romanticismo storico 9Studio ESSECI - L’OTTOCENTO SVELATO. Da Canova al Romanticismo storico 10