segreteria

FONDAZIONE MUSEI CIVICI DI VENEZIA. Programma Attività 2020

ULTERIORI INFORMAZIONI ED IMMAGINI NELLA SEZIONE EVENTI. Il programma 2020 della Fondazione Musei Civici di Venezia affascina per qualità e quantità di proposte. Dalle grandi mostre del Ducale: Opera e Carpaccio, alla nuova apertura di Cà Pesaro con una antologica di Fabrizio Plessi, seguita da un omaggio a Frida Kahlo, all’esposizione dei disegni di Tiepolo, Longhi e Guardi a Ca' Rezzonico, mentre Palazzo Fortuny, con Genius Loci, trova la sua identità di spazio museale permanente. Questo, ma anche molto, molto altro. In un sistema museale che rinnova i propri spazi e ne apre di nuovi. Che sa proporre una capillarità di iniziative, tutte ad alto livello, e che fa di Mestre un autorevole centro di attrazione culturale mirato soprattutto al contemporaneo.

Vedi tutto

FONDAZIONE MUSEI CIVICI DI VENEZIA. Programma Attività 2020

Il programma 2020 della Fondazione Musei Civici di Venezia affascina per qualità e quantità di proposte. Dalle grandi mostre del Ducale: Opera e Carpaccio, alla nuova apertura di Cà Pesaro con una antologica di Fabrizio Plessi, seguita da un omaggio a Frida Kahlo, all’esposizione dei disegni di Tiepolo, Longhi e Guardi a Ca' Rezzonico, mentre Palazzo Fortuny, con Genius Loci, trova la sua identità di spazio museale permanente. Questo, ma anche molto, molto altro. In un sistema museale che rinnova i propri spazi e ne apre di nuovi. Che sa proporre una capillarità di iniziative, tutte ad alto livello, e che fa di Mestre un autorevole centro di attrazione culturale mirato soprattutto al contemporaneo.

Vedi tutto

VILLA BASSI RATHGEB. Il Programma espositivo 2020

Tre gli appuntamenti di rilevo della stagione 2020 di Villa Bassi Ratgheb. Il primo è con il cinema e la fotografia. Con il titolo “La giusta distanza” ad essere documentato è il Veneto del Cinema, attraverso fotografie di scena di film e documentari qui girati tra il 2000 e il 2019. Con il titolo “Oltre l’apparenza” l’appuntamento successivo sarà con “un racconto nella pittura di Luigi Pellanda. 30 anni di iperrealismo”. Protagonista della terza mostra sarà la scultura italiani degli anni tra le due guerre, con opere selezionatissime, tutte provenienti dalla Collezione Cavallini Sgarbi.

Vedi tutto

LA PRESENTAZIONE DELLA VERGINE AL TEMPIO: una riscoperta di forme e colori

ULTERIORI INFORMAZIONI ED IMMAGINI NELLA SEZIONE EVENTI. Il restauro della grande tela di Antonio Zanchi (Este 1631 - Venezia 1722) raffigurante La Presentazione della Vergine al tempio si è concluso: si tratta della prima opera del ciclo mariano che occupa tutte le pareti della chiesa della Beata Vergine della Salute in Este, di proprietà dell’Ente comunale, firmata e datata 1700. Il restauro del dipinto segna l’inizio del recupero del ciclo pittorico del pittore atestino, e ha permesso di riportare alla luce le caratteristiche tinte armoniose e squillanti del pittore (rossi, verdi, azzurri, gialli, violacei e bruni) che hanno sempre contraddistinto la sua produzione, ridando dignità e valore alla fase artistica estrema.

Vedi tutto

TEFAF MAASTRICHT 2020

TEFAF (The European Fine Art Foundation) annuncia le date dell’edizione 2020 di TEFAF Maastricht. La Fiera si svolgerà dal 7 al 15 marzo, con Early Access Day il 5 marzo e Anteprima il 6 marzo. Ogni anno TEFAF organizza tre fiere: TEFAF Maastricht, TEFAF New York Spring e TEFAF New York Fall. TEFAF Maastricht, è la Fiera d’arte più importante del mondo.

Vedi tutto

FONDAZIONE SIMONETTA PUCCINI PER GIACOMO PUCCINI

ULTERIORI INFORMAZIONI ED IMMAGINI NELLA SEZIONE EVENTI. La Villa Museo di Giacomo Puccini a Torre del Lago amplia i propri spazi e da il via ad una intensa stagione di attività. Di ricerca, innanzitutto. Sarà infatti studiato e gradualmente reso noto l’importantissimo Archivio che Simonetta Puccini, ultima erede del Maestro, ha consegnato alla Fondazione che da lei prende il nome. Lo ha annunciato a Milano il Presidente della “Fondazione Simonetta Puccini per Giacomo Puccini”, professor Giovanni Godi.

Vedi tutto

LA QUERCIA DI DANTE

Dante, smarrita la via, per ritrovarla fu costretto ad arrampicarsi su una possente quercia. Quell’albero, da allora conosciuto come la “Quercia di Dante” è sopravissuto sino al 2013. Al Roverella, una mostra ricorda la Grande Quercia e una parallela rende omaggio a Poeta, attraverso le “Visioni dell’Inferno” realizzate da 3 grandi artisti: Dorè, Rauschenberg e Brand. Il progetto è completato da altre mostre, incontri e dalla lettura pubblica dell’Inferno. Un Itinerario invita a scoprire i Luoghi delle Quercia, area naturalistica ed archeologica tra le più preziose del Polesine.

Vedi tutto

DAGLI ANNI ’60 AGLI INIZI DEL XXI SECOLO

Il secondo Novecento secondo Roberto Casamonti. Che, nel settore, non è proprio figura secondaria, tutt’altro. Per questa seconda esposizione in Palazzo Salimbeni, il famoso gallerista fiorentino ha selezionato una novantina di capolavori. Che testimoniano, con opere mai minori e mai casuali, i grandi interpreti dell’arte italiana dagli anni Sessanta al nuovo millennio. Con la presenza anche di un numero ristretto, ma di eccellenza assoluta, di artisti internazionali.

Vedi tutto

TEFAF MAASTRICHT 2020

ULTERIORI INFORMAZIONI ED IMMAGINI NELLA SEZIONE EVENTI. TEFAF (The European Fine Art Foundation) annuncia le date dell’edizione 2020 di TEFAF Maastricht. La Fiera si svolgerà dal 7 al 15 marzo, con Early Access Day il 5 marzo e Anteprima il 6 marzo. Ogni anno TEFAF organizza tre fiere: TEFAF Maastricht, TEFAF New York Spring e TEFAF New York Fall. TEFAF Maastricht, è la Fiera d’arte più importante del mondo.

Vedi tutto

MODENANTIQUARIA. XXXIV edizione

Trentaquattro edizioni alle spalle e la vitalità di chi continua a credere – dimostrandolo quotidianamente – che l’Arte antica ha un grande futuro, lasciandosi alle spalle le mode passeggere, tendenze che non hanno lungo respiro, giochi di mercato. La stabilità e non l’effimero. Partendo da questa certezza Modenantiquaria è pronta ad accogliere il mondo di coloro che ne hanno fatto un vero punto di riferimento. E che in questa nuova edizione scopriranno le meraviglie riservate proprio a loro dai più importanti Antiquari del Paese.

Vedi tutto

INTORNO A VAN GOGH

11 mostre, molti incontri di approfondimento, pubblicazioni scientifiche ma anche due romanzi, i concerti di Alice, Capossela, Cristicchi e Branduardi…..intorno alla mostra-evento padovana su Van Gogh. Dal 10 ottobre, al San Gaetano. Perché una visita alla grande mostra possa diventare, soprattutto per la bellezza delle opere, ma anche per l’intero progetto culturale che vi ruoterà attorno, un’esperienza indimenticabile.

Vedi tutto

Fondazioni, Archivi, Associazioni, Collezioni private italiane di arte moderna e contemporanea nel Paese dell’Arte. Giornate di incontro e di studio

CONVEGNO RINVIATO A DATA DA DESTINARSI. ULTERIORI INFORMAZIONI ED IMMAGINI NELLA SEZIONE EVENTI. Il 12 e 13 marzo, alla Fondazione Burri di Città di Castello, assise nazionale delle Fondazioni, Archivi, Associazioni Onlus e Collezioni d’arte moderna e contemporanea private, per dibattere su problemi, aspettative, proposte e possibili sviluppi di questo fondamentale comparto dell’arte e della cultura italiana. Due giornate di serrato confronto intorno a esperienze, esigenze culturali di tutela e promozione artistica nonché obiettivi di crescita e sviluppo delle rispettive attività. Un ulteriore obiettivo dell’assise è il potenziamento dei rapporti con le Istituzioni pubbliche, in particolare con il Ministero dei Beni Culturali, per quanto concerne ordinanze, provvedimenti legislativi ed altre misure che regolano tutt’ora l’attività per l’arte contemporanea. Con la certezza che senza il quotidiano lavoro di queste realtà private, l’Italia sarebbe culturalmente (ma non solo culturalmente) davvero più povera.

Vedi tutto

GIORNATE INTERNAZIONALI DI STUDIO SUL PAESAGGIO 2020. Sedicesima edizione

Suolo “come” paesaggio è il tema al centro della sedicesima edizione delle giornate internazionali di studio sul paesaggio, progettate dal Comitato scientifico della Fondazione Benetton Studi Ricerche, con il coordinamento di Luigi Latini e Simonetta Zanon, che si svolgeranno giovedì 20 e venerdì 21 febbraio negli spazi Bomben di Treviso. Il tema scelto stimola una, non tanto piccola, rivoluzione culturale, restituendo importanza, si direbbe “dignità”, al suolo, ovvero alla dimensione fisica, etica ed estetica della superficie terreste, fattore imprescindibile del pianeta Terra.

Vedi tutto

GIORNATE INTERNAZIONALI DI STUDIO SUL PAESAGGIO 2020. Sedicesima edizione

ULTERIORI INFORMAZIONI ED IMMAGINI NELLA SEZIONE EVENTI. Suolo “come” paesaggio è il tema al centro della sedicesima edizione delle giornate internazionali di studio sul paesaggio, progettate dal Comitato scientifico della Fondazione Benetton Studi Ricerche, con il coordinamento di Luigi Latini e Simonetta Zanon, che si svolgeranno giovedì 20 e venerdì 21 febbraio negli spazi Bomben di Treviso. Il tema scelto stimola una, non tanto piccola, rivoluzione culturale, restituendo importanza, si direbbe “dignità”, al suolo, ovvero alla dimensione fisica, etica ed estetica della superficie terreste, fattore imprescindibile del pianeta Terra.

Vedi tutto

ATLANTE DEL GRAN KAN. Autobiografie di una città

L’Atlante del Gran Kan è un’occasione attraverso cui il teatro restituisce una comunità a sè stessa dopo un lavoro di apertura, di dialogo, di segreti svelati o il dono di un ricordo prezioso che veniva custodito gelosamente nel chiuso del nostro tempio privato. È un teatro quindi che rivela il sommerso, l’invisibile: le paure, i sogni, i progetti di una comunità altrimenti fatta di passi consumati in fretta, di auto, di semafori, di clacson, di chiamate perse, di rete o zone fuori campo. Per poter tornare ad ascoltarci, capirci e sostenerci in quella sfida quotidiana che è la vita.

Vedi tutto

NOVECENTO PRIVATO. Da de Chirico a Vedova

Alcuni dei Giganti del ‘900 italiano tornano nelle sale che, nel secondo dopoguerra, li avevano accolti quali giovani protagonisti dell’arte del loro tempo. E’, il loro, un ritorno emblematico, certo non nostalgico e nemmeno celebrativo. Tuttavia importante, perché il mezzo secolo e oltre, che è trascorso da quando questi stessi ambienti di via Manzoni 45 erano occupati dalla Galleria del Naviglio, ha portato a sedimentare valori, smorzare tensioni. Ha fatto di cronaca, Storia. Confermando la piena validità di quelle che, all’epoca, potevano apparire come personali proposte, intuizioni, visioni di un pur quotato gallerista.

Vedi tutto

Fondazioni, Archivi, Associazioni, Collezioni private italiane di arte moderna e contemporanea nel Paese dell’Arte. Giornate di incontro e di studio

CONVEGNO RINVIATO A DATA DA DESTINARSI. Il 12 e 13 marzo, alla Fondazione Burri di Città di Castello, assise nazionale delle Fondazioni, Archivi, Associazioni Onlus e Collezioni d’arte moderna e contemporanea private, per dibattere su problemi, aspettative, proposte e possibili sviluppi di questo fondamentale comparto dell’arte e della cultura italiana. Due giornate di serrato confronto intorno a esperienze, esigenze culturali di tutela e promozione artistica nonché obiettivi di crescita e sviluppo delle rispettive attività. Un ulteriore obiettivo dell’assise è il potenziamento dei rapporti con le Istituzioni pubbliche, in particolare con il Ministero dei Beni Culturali, per quanto concerne ordinanze, provvedimenti legislativi ed altre misure che regolano tutt’ora l’attività per l’arte contemporanea. Con la certezza che senza il quotidiano lavoro di queste realtà private, l’Italia sarebbe culturalmente (ma non solo culturalmente) davvero più povera.

Vedi tutto

ZAVATTINI OLTRE I CONFINI. Un protagonista della cultura internazionale

A trent’anni dalla morte di Zavattini, questa mostra sarà un vero e proprio viaggio attorno al mondo assieme a Zavattini. Il progetto espositivo, curato da Alberto Ferraboschi, si impronta su due linee direttrici, da un lato indaga l'attività svolta nei diversi ambiti artistici (cinema, letteratura, pittura, ecc.) e geografici (sia in Europa che nel Nuovo Continente); dall'altro approfondisce temi e vicende particolari, come quello del viaggio (ad esempio sulle orme di Van Gogh), della pace, dei rapporti con lo scrittore latino-americano Garcia Marquez e con gli ambienti cosmopoliti ebraici. Nell’esposizione di Palazzo da Mosto, confluiranno materiali documentari e iconografici che raccontano tutte le attività e la rete di rapporti intessute da questa eclettica personalità: migliaia di carte originali, dattiloscritte e manoscritte, annotazioni autografe, insieme a fotografie, video, manifesti e libri.

Vedi tutto

IMMAGINARIA. Logiche d’arte in Italia dal 1949

““Immaginaria. Logiche d’arte in Italia dal 1949”, a cura di Bruno Corà, propone una riflessione sulle esperienze artistiche di maggiore incisività avvenute in Italia dall’immediato dopoguerra del secondo conflitto mondiale fino all’avvento della cosiddetta “condizione postmoderna”, dell’era informatica e dell’avvio della globalizzazione”. “Immaginaria” è dunque rivolta simultaneamente tanto al riscontro 'storico' di singole esperienze, definitivamente compiute, quanto a voler cogliere gli elementi distintivi di ogni singola logica pittorica e plastica manifestatasi”.

Vedi tutto

I PAESAGGI SALVAGUARDIA E PROMOZIONE DI UN PATRIMONIO ITALIANO. Seconda edizione

Il ruolo, e l’impatto, delle coltivazioni agrarie sul paesaggio è evidente. Ma come, sul medesimo paesaggio, possono incidere fenomeni nuovi, dai cambiamenti climatici, dalla deurbanizzazione delle campagne, alla riorganizzazione dei fondi agrari a favore di colture estive, o per altro verso, delle coltivazioni specialiste (frutteti, vigneti, orticole..)? Quale paesaggio agrario ci si presenterà in un futuro prossimo? Come tutelare il paesaggio e allo stesso tempo garantire la sopravvivenza di una agricoltura al passo con i tempi? Tutela e valorizzazione sono concetti che possono effettivamente convivere? Ne discutono importanti esperti insieme ai presidenti Prandini della Coldiretti e Garbelli di Confragricoltura.

Vedi tutto

MODENANTIQUARIA. XXXIV edizione

ULTERIORI INFORMAZIONI ED IMMAGINI NELLA SEZIONE EVENTI. Trentaquattro edizioni alle spalle e la vitalità di chi continua a credere – dimostrandolo quotidianamente – che l’Arte antica ha un grande futuro, lasciandosi alle spalle le mode passeggere, tendenze che non hanno lungo respiro, giochi di mercato. La stabilità e non l’effimero. Partendo da questa certezza Modenantiquaria è pronta ad accogliere il mondo di coloro che ne hanno fatto un vero punto di riferimento. E che in questa nuova edizione scopriranno le meraviglie riservate proprio a loro dai più importanti Antiquari del Paese.

Vedi tutto

NEL SEGNO DEL GIGLIO. 27^ Mostra mercato del giardinaggio di qualità

“Nel Segno del Giglio” 2020 è confermata nel Parco della Reggia di Colorno, mutando però data. Che tornerà a essere quella storica, ovvero il 24, 25 e 26 aprile. Gli organizzatori annunciano una edizione davvero speciale, in omaggio a Parma Capitale della Cultura. Una mostra mercato a livelli qualitativi molto alti, con una precisa selezione di espositori, importanti momenti di aggiornamento e confronto, un servizio di accoglienza adeguato al rango della manifestazione. E soprattutto una decisa connotazione culturale, al di là di quella mercantile. Esattamente come l’aveva pensata 26 anni fa il suo ideatore, Ippolito Pizzetti.

Vedi tutto

VERBIER FESTIVAL. 27a Edizione

62 concerti mainstage in 17 giorni, più di 90 artisti di caratura internazionale, 200 eventi accessibili e gratuiti e 220 studenti ammessi ai programmi dell’academy. Per una edizione del Festival decisamente beethoveniana. Preludio, il 17 luglio con Valery Gergiev, alla testa della Verbier Festival Orchestra (VFO), dirigerà un trio d’eccezione formato dal violinista Leonidas Kavakos, dal violoncellista Gautier Capuçon e dalla pianista Yuja Wang, nel Concerto triplo. Un antipasto per palati raffinati, di un Festival unico al mondo.

Vedi tutto

INCONTRO E ABBRACCIO nella Scultura del Novecento da Rodin a Mitoraj

Mostra d’arte a sviluppo tematico – tra le poche in Italia – “Incontro e Abbraccio” esplora, attraverso una potente rassegna di ben 120 sculture del Novecento, le molteplici singolarità della condizione umana. 120 opere, spesso capolavori, di Auguste Rodin, Vincenzo Gemito, Arturo Martini, Pietro Canonica, Jacques Lipchitz, Agenore Fabbri, Virgilio Guidi, Luciano Minguzzi, Fernad Legèr, Henry Moore, Marcel Duchamp, George Segal, Salvator Dalì, Lorenzo Quinn, Igor Mitoraj fino alle tendenze iconiche di fine secolo.

Vedi tutto

LA COLLEZIONE FARINA. Arte e Avanguardia a Ferrara 1963-1993

«Se un giorno si farà la storia delle attività espositive in Italia, nell’ambito dell’ente pubblico e relativamente all’arte contemporanea, un capitolo di essa dovrà riguardare Franco Farina, forse il caso più perspicuo nel corso degli anni Settanta.» A scriverlo, nel lontano 1993, è Renato Barilli, testimone di prima mano del lavoro che a Ferrara andava svolgendo il “Maestro Farina” al Palazzo dei Diamanti e alle Civiche Gallerie di Arte Moderna. La mostra propone dipinti, sculture, disegni e grafica della collezione del “maestro” in dialogo con opere delle Gallerie Civiche, ad offrire uno spaccato di quei mitici anni.

Vedi tutto

LA PRESENTAZIONE DELLA VERGINE AL TEMPIO: una riscoperta di forme e colori

Il restauro della grande tela di Antonio Zanchi (Este 1631 - Venezia 1722) raffigurante La Presentazione della Vergine al tempio si è concluso: si tratta della prima opera del ciclo mariano che occupa tutte le pareti della chiesa della Beata Vergine della Salute in Este, di proprietà dell’Ente comunale, firmata e datata 1700. Il restauro del dipinto segna l’inizio del recupero del ciclo pittorico del pittore atestino, e ha permesso di riportare alla luce le caratteristiche tinte armoniose e squillanti del pittore (rossi, verdi, azzurri, gialli, violacei e bruni) che hanno sempre contraddistinto la sua produzione, ridando dignità e valore alla fase artistica estrema.

Vedi tutto

CARLO FORNARA E IL DIVISIONISMO

Carlo Fornara sta riprendendosi il ruolo di primissimo piano che ebbe nell’arte italiana ed europea a cavallo tra Otto e Novecento. La mostra di Aosta lo evidenzia, scegliendo di presentare le opere dell’artista tra l’ultimo decennio dell’Ottocento e il primo del nuovo secolo. I suoi felici momenti simbolisti e poi divisionisti, illustrati con le opere – oli e disegni – fondamentali. Una mostra intensa per un artista che ha subito un oblio del tutto ingiustificato.

Vedi tutto

IL RITORNO AD AVENZA DI CARRARA DEL “TRITTICO DI RINGLI” MAESTRO DI SANT’IVO

Non è certo cosa di tutti i giorni ciò che è accaduto ad Avenza, parrocchia di tredicimila anime in quel di Massa Carrara. Qui, senza nulla sacrificare alle attività sociali, educative e caritative, si è compiuto “un miracolo”: riportare a casa il meraviglioso trittico commissionato nel 1438 per la chiesa ma che, da diversi secoli, non era più al suo posto. L’opera, che è legittimo definire come capolavoro, è recentemente arrivata a Milano, alla Galleria Salamon, specializzata in dipinti di alta epoca. Per riportarla a casa, Don Marino, il parroco, ha fatto leva sull’orgoglio paesano ma anche sulla certezza che “l’arte e la storia appagano il cuore”. “Il poco di molti – è stata la granitica certezza del parroco - farà molto e il giusto di altri farà il resto”. Così è stato.

Vedi tutto

VELENI E MAGICHE POZIONI. Grandi storie di cure e delitti

Una archeologa e una esperta di storia della Farmacia insieme per andare alla radice di leggende, storie, tradizioni. Per dare un preciso senso a ciò che sembra favola, riconducendo alla scienza ciò che si ritiene puro frutto della fantasia popolare. Per scoprire che se veramente la Principessa avesse baciato il rospo, il bufonide le sarebbe effettivamente apparso come un aitante, giovane cavaliere. In questa mostra, congiuntamente proposta dal Polo Museale del Veneto – Museo Nazionale Atestino, dall’Università degli Studi di Ferrara e dalla città di Este, veleni, pozioni, medicamenti vengono indagati lungo il loro più volte millenario stratificarsi.

Vedi tutto

UNCONVENTIONAL VERDI – THE EXTRAORDINARY MAESTRO. L’Opera incontra i linguaggi della fashion photography e del design upcycle

Al Fidenza Village, i grandi capolavori verdiani incontrano i nuovi linguaggi dell’arte e della moda, passando per le Instagram stories. In Unconventional Verdi si incontrano due mondi, per produrre un progetto fotografico open-air in cui i personaggi e le parole delle più celebri Opere di Giuseppe Verdi tornano a parlare un linguaggio pop e di avanguardia per commuovere, stupire, emozionare. Il fotografo Luca Cacciapuoti e lo stylist Nicola Pantano impegnano la loro creatività in una sfida che coinvolge anche Jil Sander, Vivienne Westwood, Missoni, Ermenegildo Zegna, Ugo Boss, Paul Smith, Sergio Rossi, Etro, Nike, Marni, Le Silla. Mentre dalla collaborazione con Pijama, la label milanese di design upcycle nasce una capsule collection verdina, ad edizione limitata. Le emozioni immortali delle Opere di Verdi non sono mai state così al passo coi tempi.

Vedi tutto

INGE MORATH. La vita. La fotografia

Impropriamente nota alle cronache più per aver sostituito la mitica Marilyn Monroe nel cuore dello scrittore Arthur Miller, è stata in realtà e soprattutto una straordinaria fotografa ed una fine intellettuale. Fu la prima donna ad essere inserita nel cenacolo, all’epoca tutto maschile, della celebre agenzia fotografica Magnum. Al Museo di Trastevere una grande retrospettiva.

Vedi tutto

LA DISFIDA DI BARLETTA

La Disfida di Barletta torna in campo! Per l’edizione 2019, infatti, grande è l’attesa per il rinnovato appuntamento con il certame cavalleresco, la cui rievocazione riprende dopo 14 anni. Da giovedì 19 a sabato 21 settembre, il borgo antico e marinaro di Barletta diventeranno un palcoscenico sul quale andrà in scena uno spettacolo multiforme, suggestivo e coinvolgente, a cura del direttore artistico della Disfida, il regista teatrale Sergio Maifredi.

Vedi tutto

ORO, 1320 – 2020. Dai Maestri del Trecento al Contemporaneo

Dai fondi oro della grande tradizione antica a Lucio Fontana, Paolo Londero e Maurizio Bottoni, che hanno mirabilmente “ereditato” le tecniche e procedimenti usati nei secoli trascorsi, così come descritti nel “Libro dell’arte” di Cennino Cennini. In Palazzo Cicogna, questa originale, raffinata mostra conduce il visitatore lungo una sorta di “storia della foglia d’oro nelle arti”. In un dialogo tra antico e moderno affidato alle opere di grandi interpreti. Intorno al più prezioso (e simbolico) dei materiali, l’oro.

Vedi tutto

BIENNALE INTERNAZIONALE DELL’ANTIQUARIATO DI FIRENZE – 31° Edizione

E’ l’edizione dei 60 anni, traguardo che nel mondo nessuna altra grande mostra di antiquariato può vantare. Anche per celebrare questa ricorrenza, la 31^ edizione della Biennale Internazionale dell'Antiquariato di Firenze sarà ancor più all’insegna della massima qualità. L’appuntamento in Palazzo Corsini, anticipa il Segretario Generale Fabrizio Moretti, riserverà importanti conferme e prestigiose novità. “Per garantire a BIAF il suo ruolo di massima vetrina dell’antiquariato italiano nel mondo”.

Vedi tutto

LA GIUSTA DISTANZA. Il Veneto del Cinema. Fotografie di scena dal 2000 al 2019

MOSTRA RINVIATA A DATA DA DESTINARSI. In mostra foto di scena di film, documentari, cortometraggi e dirette televisive, tutti girati in Veneto: un caleidoscopio di immagini e storie che mette a fuoco il paesaggio fisico, culturale e umano che ha caratterizzato il racconto di questo territorio negli ultimi due decenni. Da Liliana Cavani ed Ermanno Olmi a Silvio Soldini, Matteo Garrone, Paolo Sorrentino ai veneti Mazzacurati, Andrea Segre, Segato, Rossetto…Molti appuntamenti di approfondimento e incontri con gli autori accompagnano un evento che, attraverso il cinema, interpreta il territorio.

Vedi tutto

L’ULTIMO ROMANTICO. Luigi Magnani il signore della Villa dei Capolavori

MOSTRA RINVIATA A DATA DA DESTINARSI. La sua magnifica villa nella campagna parmense era meta dei maggiori artisti e intellettuali. Giungevano per confrontarsi con un uomo di grandi visioni e per ammirare la Pinacoteca che qui lui era riuscito a riunire. La Villa dei Capolavori allinea Durer, Rembrandt, Canova, Van Dick, Rubens, Goya, Tiziano, Cezanne… Ma anche il meglio del contemporaneo, a cominciare da Morandi che qui aveva un buen-retiro. Come anche Benedetti-Michelangeli che qui suonava il piano e interloquiva con il padrone di casa, fine musicofilo. Luigi Magnani, l’Ultimo Romantico, in mostra all’interno dell’emozionante, suo, Pantheon dell’arte.

Vedi tutto

ANTONIO CANOVA. ATELIER

E’ una storia di resurrezione, possibile grazie alle moderne tecnologie, quella che racconta questo volume. 200 anni fa, Canova pose mano e mente alla realizzazione di uno dei suoi più colossali progetti: un monumento equestre di grandiose dimensioni. Giunse a realizzare, in gesso, il cavallo. Che, mai trasposto in bronzo, giunse in lascito al Museo di Bassano. Nel 1969, giunto 50 anni fa, quel colosso venne sezionato e finì in un deposito, dove il gesso perse le sue forme. Oggi, le tecnologie elettroniche consentono di ricreare quel capolavoro perduto.

Vedi tutto

RESTAURI DELLA CAPPELLA DELLA DIMORA DI MARIA AL TEMPIO

E’ un imponente intervento di restauro quello ha coinvolto la quarta Cappella del Sacro Monte, dedicata alla “Dimora di Maria al Tempio”: 250 metri quadri di affreschi, 106 manufatti in terracotta, 102 statue a dimensioni naturali, oltre a una ampia sequenza di altri materiali. Il sacro Monte di Oropa ritrova uno dei suoi magnifici tesori.

Vedi tutto

ORAZIO GENTILESCHI. La fuga in Egitto e altre storie

MOSTRA RINVIATA A DATA DA DESTINARSI. Due tele di Orazio Gentileschi praticamente eguali, dedicate al racconto del “Riposo durante la fuga in Egitto”. Due versioni che Cremona, per la prima volta, riesce a porre a confronto. E, intorno ad esse, una altissima selezione di altri dipinti e sculture di diversi grandi Maestri, per “raccontare” la popolare “Fuga” da Erode, tramandata dal solo Vangelo di Matteo ma protagonista dei Vangeli apocrifi.

Vedi tutto

VERBIER FESTIVAL. 26a edizione

Piattaforma di sperimentazioni artistiche da oltre due decenni, affiancando opere colossali a concerti più intimi, il Festival scommette sulla gioventù e sulla novità. Con più di 20 artisti pronti a esibirsi per la prima volta assoluta sui palcoscenici dell’Église e della Salle des Combins. Che vantino già una carriera notevole o che si siano messi in evidenza in seno all’Academy, questi talenti di oggi e di domani faranno il proprio esordio nel cuore delle Alpi l’estate prossima. Nel concerto di apertura, il violinista Kristóf Baráti sarà impegnato nel suo primo concerto per orchestra a Verbier, per la bacchetta di Valery Gergiev.

Vedi tutto

MARC CHAGALL “anche la mia Russia mi amerà”

Una mostra importante, di preciso impianto museale, che non intende raccontare “di tutto un po’” ma sceglie un tema preciso e lo approfondisce attraverso una selezione dei suoi capolavori imprescindibili. Il tema su cui la curatrice Claudia Zevi ha scelto di misurarsi è quello dell’influenza che la cultura popolare russa ha avuto su tutta l’opera di Chagall. La mostra riunisce al Roverella oltre cento opere, circa 70 i dipinti su tela e su carta oltre alle due straordinarie serie di incisioni e acqueforti pubblicate nei primi anni di lontananza dalla Russia, ”Ma Vie”, 20 tavole che illuminano la sua precoce e dolorosa autobiografia, e “Le anime morte”di Gogol, il più profondo sguardo sull’anima russa della grande letteratura.

Vedi tutto

UNA COLLEZIONE VENEZIANA. Intesa Sanpaolo espone in modo permanente alla Querini Stampalia le raccolte della Cassa di Risparmio di Venezia

ULTERIORI INFORMAZIONI NELLA SEZIONE EVENTI. Negli ambienti ricreati da Michele De Lucchi, è finalmente esposto lo straordinario patrimonio d’arte della Fondazione Cassa di Risparmio del Veneto. Dipinti (Canaletto, Tintoretto, Tiepolo, oltre a opere dei grandi della scuola veneta fino a Caffi e Ciardi) e sculture di Arturo Martini e Alberto Viani. Oltre a tappeti, orologi, disegni, incisioni, antichi volumi, un ricco monetiere, mobili d’epoca. A ricreare il concetto di raffinata casa – museo che è proprio della Querini.

Vedi tutto

VERDE GRAZZANO 2019

Si svolgerà il 28 e 29 settembre la seconda attesa edizione de “Verde Grazzano”, l’esclusiva mostra mercato del giardinaggio che ha debuttato lo scorso autunno nello scenario unico del Parco del Castello Visconti a Grazzano Visconti, nel piacentino. Protagonisti gli espositori italiani e stranieri, tutti di primo livello, attentamente selezionati dal Gruppo Tecnico che affianca la manifestazione

Vedi tutto

ANNIVERSARI CANOVIANI

L’11 luglio 1819 Antonio Canova sovrintese alla posa della prima pietra del grandioso Tempio da lui progettato e finanziato. L’artista morì nel 1822, a lavori appena iniziati, non prima di essersi assicurato che l’impresa cui teneva molto venisse comunque completata secondo il suo disegno e il suo volere. Il bicentenario della prima pietra, ricordato a Possagno con un’ ampia sequenza di eventi, vuole essere il momento di avvio delle celebrazioni del bicentenario della morte del Maestro, che si celebrerà nel 2022.

Vedi tutto

GIAMBATTISTA PIRANESI. Visioni di un architetto senza tempo

Giambattista Piranesi è più che un gradissimo incisore. E’ un mito. Marguerite Yourcenar gli dedicò una biografia dove definì le Carceri – l’opera forse più famosa di Piranesi – come «una delle opere più segrete che ci abbia lasciato in eredità un uomo del XVIII secolo». Un’eredità che contagiò Escher e i Surrealisti non meno che Peter Greenaway. Walpole consigliò di studiare «i sublimi sogni del Piranesi», descritto: «Selvaggio come Salvator Rosa, fiero come Michelangelo, esuberante come Rubens, ha immaginato scene... impensabili perfino nelle Indie. Costruisce palazzi sopra ponti, templi sui palazzi, scala il cielo con montagne di edifici».

Vedi tutto

RESTAURO GREEN AL SACRO MONTE DI OROPA

E’ uno dei più rilevanti progetti di recupero ambientale di un bene Patrimonio Unesco quello che è stato presentato lo scorso 8 giugno a Biella. Con l’obiettivo di dargli concretezza nei prossimi tre anni. Il progetto, stimolato dal Garden Club di Biella insieme con l’Ente di Gestione dei Sacri Monti del Piemonte ed il Santuario di Oropa, ha l’obiettivo di riqualificare l’intero percorso del Sacro Monte, il più alto dei sette del Piemonte e, per molti versi, il più misticamente suggestivo. Le 12 Cappelle, inserite in un ambiente naturalistico davvero unico, sono popolate da centinaia di statue di terracotta policroma a grandezza naturale, a rievocare gli episodi salienti della vita di Maria.

Vedi tutto

OTTONE ROSAI

MOSTRA RINVIATA A DATA DA DESTINARSI. Mostra d’eccezione, questa, su Rosai. In essa, per la prima volta, compare in pubblico la decina di capolavori assoluti di Rosai degli anni Venti e Trenta, tutti provenienti da una raccolta privata romana, già presenti alla mostra di Palazzo Ferroni, a Firenze, nel 1932, e documentati nel primo volume del Catalogo Generale. Accanto ad essi, le eccellenze più note di un periodo – quello fra le due guerre (1918-1939) – che rappresenta l’aristocrazia della pittura e del disegno di Rosai.

Vedi tutto

NEL SEGNO DEL GIGLIO. 27^ Mostra mercato del giardinaggio di qualità

ULTERIORI INFORMAZIONI DE IMMAGINI NELLA SEZIONE EVENTI. “Nel Segno del Giglio” 2020 è confermata nel Parco della Reggia di Colorno, mutando però data. Che tornerà a essere quella storica, ovvero il 24, 25 e 26 aprile. Gli organizzatori annunciano una edizione davvero speciale, in omaggio a Parma Capitale della Cultura. Una mostra mercato a livelli qualitativi molto alti, con una precisa selezione di espositori, importanti momenti di aggiornamento e confronto, un servizio di accoglienza adeguato al rango della manifestazione. E soprattutto una decisa connotazione culturale, al di là di quella mercantile. Esattamente come l’aveva pensata 26 anni fa il suo ideatore, Ippolito Pizzetti.

Vedi tutto

GIRATA AL SACRO MONTE DI VARALLO UNA DELLE PIÙ INTENSE SCENE DEL NUOVO DOCUFILM SU CARAVAGGIO

E’ una delle più intense scene del suo docufilm su Caravaggio quella che il regista Francesco Fei ha girato, nel buio della notte, al Sacro Monte di Varallo, in Piemonte. Lungo il filo della storia raccontata nel Sacro Monte, il regista indaga il dramma interiore dell’artista. E ad aiutarlo nell’analisi entra in scena Achille Mauri, scrittore, intellettuale che interpreta tutte le sfumature del dramma interiore di Caravaggio, pittore della Controriforma.

Vedi tutto

SASHA VINCI. A HUMAN FLOWER WALL

Il 26 maggio 2019, un corteo di persone attraverseranno come una massa critica, unica e compatta, le vie della Grande Mela e gli spazi, a partire dal campus della NYU Tandon, componendo simbolicamente un muro biologico e in movimento, composto da fiori e persone che attraverso l’elemento del fiore, immagine di vita e rinascita, vuole andare al di là di qualsiasi forma di separazione o divisione e diventare un ponte verso una società equa e inclusiva, priva di barriere fisiche e mentali.

Vedi tutto

DA ARTEMISIA A HACKERT. Storia di un antiquario collezionista alla Reggia

È la prima volta che una grande sede museale statale rende omaggio ad una collezione di un antiquario italiano. Ad essere scelto per questa “prima” è Cesare Lampronti, notissimo antiquario romano. Ad essere proposto è un “fermo immagine” delle sue passioni, dei suoi interessi culturali oltre che mercantili. Pitture caravaggesche; pittura del ‘600; vedute; paesaggi e nature morte… con molti capolavori assoluti. Una occasione davvero imperdibile.

Vedi tutto

IL RITORNO AD AVENZA DI CARRARA DEL “TRITTICO DI RINGLI” MAESTRO DI SANT’IVO

ULTERIORI INFORMAZIONI ED IMMAGINI NELLA SEZIONE EVENTI. Non è certo cosa di tutti i giorni ciò che è accaduto ad Avenza, parrocchia di tredicimila anime in quel di Massa Carrara. Qui, senza nulla sacrificare alle attività sociali, educative e caritative, si è compiuto “un miracolo”: riportare a casa il meraviglioso trittico commissionato nel 1438 per la chiesa ma che, da diversi secoli, non era più al suo posto. L’opera, che è legittimo definire come capolavoro, è recentemente arrivata a Milano, alla Galleria Salamon, specializzata in dipinti di alta epoca. Per riportarla a casa, Don Marino, il parroco, ha fatto leva sull’orgoglio paesano ma anche sulla certezza che “l’arte e la storia appagano il cuore”. “Il poco di molti – è stata la granitica certezza del parroco - farà molto e il giusto di altri farà il resto”. Così è stato.

Vedi tutto

SEGNAVIE 9. Orientarsi nel mondo che cambia

8 incontri, la maggioranza con esperti internazionali, per l’edizione 2019 di “Segnavie”, il prestigioso “incubatore di idee e suggestioni” ideato e realizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. “Per offrire una bussola, degli stimoli, per tracciare direzioni possibili e abbozzare scenari futuri, aprendo la mente a nuove consapevolezze”, afferma il Presidente della Fondazione professor Gilberto Muraro.

Vedi tutto

OLTRE L’APPARENZA. Un racconto nella pittura di Luigi Pellanda. 30 anni di iperrealismo

Luigi Pellanda è artista alchemico. Che nelle sue magnifiche nature morte fa sintesi, in modo mirabile, di un Cammino che, partito dalla musica, lo ha condotto alla ceramica, alla grafica, alla fotografia per approdare alla grande pittura. Per lui si sono evidenziate assonanze con Caravaggio o Pieter Bruegel. L’iperrealismo delle sue magnifiche nature morte è in realtà frutto di un percorso tutto personale, profondo, di un processo di affinamento che rende la sua pittura davvero unica.

Vedi tutto

INNER WHEEL CLUB VERONA E MUSEI CIVICI INSIEME PER IL PROGETTO DI RESTAURO DELL’AFFRESCO DI BERNARDINO INDIA

La Città di Verona, con ai piedi l’Adige rappresentato come un uomo anziano con la barba. Alla destra Rovigo con parte di un vaso con la scritta “Eridanus”, e alla sinistra Treviso dai tre volti di donna come dall’etimologia latina del suo nome. Questo il tema della “Allegoria” che Bernardino India affrescò nel 1555 su Palazzo Fiorio della Seta. “Strappato” nel 1891 per far posto al muraglione di contenimento dell’Adige, ora finalmente restaurato grazie all’Inner Wheel Club di Verona

Vedi tutto

L’arte per l’arte. DIPINGERE GLI AFFETTI. La pittura sacra a Ferrara tra Cinque e Settecento

E’ un viaggio nel tempo, affascinante e sorprendente, che spazia dal tramonto del Dominio Estense sino al Secolo dei Lumi, quello proposto dal Castello Estense. Grazie all’emersione della imponente Quadreria che riunisce le opere di proprietà dell’ASP, Centro Servizi alla Persona di Ferrara, Masi Torello e Voghiera, depositata presso i Musei di Arte Antica. Un capitale artistico pressoché sconosciuto eppure di grande rilevanza storica, che l’esposizione restituisce al grande pubblico.

Vedi tutto

A MENTE APERTA. Incontri sul mondo che cambia

Due giorni di approfondimento pubblico con Angelo Panebianco (docente universitario e giornalista del Corriere della Sera), il Prefetto Gennaro Vecchione, Direttore del Dipartimento Informazioni per la Sicurezza (DIS) della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Philippe Daverio (storico dell’arte), Ezio Mauro (giornalista e scrittore, già direttore de La Repubblica), Federico Rampini (giornalista, inviato de La Repubblica da New York). Per discutere “A mente aperta” sul mondo che cambia.

Vedi tutto

PALAZZO STURM RIAPRE DOPO IL RESTAURO

Il settecentesco Palazzo Sturm, quattro piani di bellezza in riva al Brenta, è stato completamente restaurato. L’intervento è avvenuto per tappe successive, concludendosi con il recupero degli spazi del quarto e quinto piano destinati alle esposizione temporanee. Ad inaugurarli è la mostra delle 214 opere di Dürer collezionate dai Remondini. Alla celebre famiglia di stampatori, nello stesso Palazzo è dedicato un ampio Museo. Che affianca il Museo della Ceramica, a sottolineare due grandi eccellenze di Bassano.

Vedi tutto

OBIETTIVI SU BURRI. Fotografie e fotoritratti di Alberto Burri dal 1954 al 1993

Grandi fotografi italiani e non, uniti dall’aver potuto fotografare Alberto Burri. In versione assolutamente privata, in occasioni ufficiali e soprattutto mentre crea le sue opere. Immagini celeberrime e altre mai prima esposte o pubblicate. Ora riunite in una grande mostra che ricrea la straordinaria quotidianità del Maestro. E che inaugura il nuovo spazio che, nei sotterranei degli ex Essicatoi del Tabacco, è stato creato per accogliere le mostre temporanee promosse dalla Fondazione Burri.

Vedi tutto

PREMIO INTERNAZIONALE CARLO SCARPA PER IL GIARDINO, XXX EDIZIONE

La 30^ edizione del Premio Scarpa va ad un territorio magico della Cina, I giardini del tè di Dazhangshan, nella parte nord-orientale della provincia del Jiangxi, nella Cina meridionale. Ai piedi della montagna Dazhangshan, un vasto sistema di rilievi collinari accoglie in questa regione le coltivazioni del tè che danno forma a un paesaggio contemporaneo condotto secondo rigorosi criteri agroecologici, in grado di raccogliere il senso della storia e di proiettare nel futuro il valore di un ambiente rurale nel quale l’uomo stabilisce una relazione di armonia con la natura.

Vedi tutto

TOMMASO BONAVENTURA. 100 marchi – Berlino 2019

Tommaso Bonaventura - 100 marchi - Berlino 2019, è un progetto artistico del fotografo Tommaso Bonaventura, sviluppato in collaborazione con la curatrice Elisa Del Prete, in occasione dei 30 anni dalla caduta del muro di Berlino (9 novembre 1989). La mostra propone il racconto del Begrüssungsgeld, il denaro di benvenuto che dal 1970 al dicembre 1989 i cittadini della DDR ricevevano quando entravano nella Germania Ovest per la prima volta. Questa vicenda offre uno spunto per interrogarsi su un cambiamento epocale a partire da un punto di osservazione che privilegia le storie private e familiari, restituendole attraverso un duplice racconto: fotografico e video.

Vedi tutto

10^ edizione del Festival della Fotografia Etica

Il Festival della Fotografia Etica di Lodi festeggia quest’anno la sua decima edizione, sancendo un percorso che lo ha portato ad essere un punto di riferimento riconosciuto all’interno del panorama europeo dei festival di fotografia. Un percorso fatto di scelte che ne hanno plasmato un’identità precisa, forte, mossa dalla volontà di raccontare attraverso le immagini cosa succede, oggi, nel mondo.

Vedi tutto

ARMAN

La Tornabuoni Arte dedica la mostra d’autunno, dal 5 ottobre al 6 dicembre 2019, nella sua sede milanese ad Arman, uno degli esponenti più noti e apprezzati del Nouveau Réalisme, le cui opere, connotate da una forte valenza ambientale, sono forse più attuali ora di quanto non lo fossero all’epoca della loro creazione. Un’esposizione monografica, che sceglie di seguire tutta la produzione dell’artista, dai primi anni ’50 in poi.

Vedi tutto

CAROSELLO. Pubblicità e Televisione 1957 – 1977

Carosello non era semplicemente pubblicità, ma un paesaggio fiabesco dove regnavano la felicità e il benessere, un paesaggio estremamente affascinante per una popolazione come quella italiana che proveniva da un lungo periodo di disagi e povertà. Un paesaggio onirico che esercitava un effetto particolare nei piccoli paesi, nelle campagne e nelle regioni più arretrate, dove rendeva legittimo l’abbandono di quell’etica della rinuncia che apparteneva alla vecchia cultura contadina, in favore dell’opulenza della città e dei suoi beni di consumo.

Vedi tutto

GIOVANNI BATTISTA CAVALCASELLE. Una visione europea della storia dell’arte

Il Comune di Legnago, la direzione dei Musei Civici del Comune di Verona, il Dipartimento di Culture e Civiltà dell’Ateneo di Verona propongono due intense Giornate di studio su “Giovanni Battista Cavalcaselle. Una visione europea della storia dell’arte”. Nei 200 anni dalla sua nascita. Cavalcaselle è riconosciuto come fondatore della moderna critica d’arte in Italia.

Vedi tutto

NEL SEGNO DEL GIGLIO. 26^ Mostra mercato del giardinaggio di qualità

C’è aria nuova a Colorno alla mostra mercato del giardinaggio di qualità giunta alla 26^ edizione. Immutata la magnifica location della manifestazione: il Parco storico della sontuosa Reggia di Maria Luisa d’Austria, già dei Farnese. Nuova, invece, la data: 12,13,14 aprile. Nuova anche la gestione e ambiziosi gli obiettivi di una manifestazione che punta a fare dell’eccellenza il proprio marchio distintivo.

Vedi tutto

RENATO MAMBOR

Tornabuoni Arte, nella sua sede di Firenze, è lieta di ospitare un’ampia selezione dedicata a Renato Mambor, a cura di Federico Sardella e in collaborazione con l’archivio Mambor. La mostra, corredata da un approfondito catalogo, ripercorre il lavoro poliedrico dell’artista, tra i più originali della scena europea dell’arte durante la seconda metà del XX secolo.

Vedi tutto